fbpx
certificazione plusdotazione adulti

Certificazione di plusdotazione

La certificazione di plusdotazione cognitiva negli adulti

La certificazione di plusdotazione può essere emessa solo da uno psicologo abilitato con gli strumenti testistici idonei a rilevare le dimensioni fondamentali dell’intelligenza secondo la letteratura scientifica.

La certificazione di plusdotazione è costituita dalla relazione del clinico. Infatti ad ora le leggi italiane non riconoscono un iter ufficiale e validato dalle istituzioni per la certificazione della plusdotazione, come invece avviene per i disturbi dell’apprendimento, la cui certificazione è utile ai fini di ottenere gli strumenti compensativi e dispensativi previsti dalla scuola.

La certificazione di plusdotazione si basa sul parere clinico, in quanto il cut off per determinare la presenza di plusdotazione cognitiva corrisponde a un quoziente intellettivo di 130 o superiore ma già con un quoziente di 120 si possono manifestare alcune caratteristiche tipiche delle persone gifted e problematiche di adattamento sociale e scolastico. Inoltre, la plusdotazione non è rappresentata da un semplice numero che costituisce l’esito di un singolo test, ma da una costellazione di caratteristiche che consolidano l’identificazione di plusdotazione: l’intensa emotività, le ipereccitabilità, il pensiero arborescente, eccellenti capacità linguistiche, un’ottima memoria, una vasta gamma di interessi, una grande capacità di concentrazione. Queste caratteristiche possono non essere tutte presenti e non allo stesso grado, ma vanno a completare il quadro personologico e cognitivo in riferimento a ciò che viene riportato in letteratura, anche a livello qualitativo e non solo quantitativo.

E’ infatti necessario ricordare che la plusdotazione emerge da un’intelligenza qualitativamente, oltre che quantitativamente differente.

Una caratteristica intellettiva delle persone plusdotate è infatti data per esempio dal pensiero arborescente: la modalità di pensare di una persona plusdotata non è lineare ma segue diramazioni che portano a sviluppare più idee da un’unica idea in maniera policentrica ed esponenziale e spesso per questo motivo la loro velocità di elaborazione delle informazioni porta a dimenticare le idee appena sorte nel seguire sempre nuovi flussi di pensiero e concatenazioni di idee.

La certificazione di plusdotazione è utile anche per escludere determinate diagnosi. Spesso infatti persone con plusdotazione intellettiva vengono diagnosticate con etichette psicopatologiche come sindrome di Asperger, autismo ad alto funzionamento, sindrome da deficit di attenzione e iperattività o disturbo bipolare, per la loro tendenza a esperire intensamente gli stimoli sensoriali e vivere altalene di alti e bassi emozionali.

 

Leggi anche:

 

Come Psicologa e psicodiagnosta a Bologna svolgo valutazioni di plusdotazione cognitiva negli adulti presso lo studio di Bologna centro.

Per saperne di più sulla valutazione di plusdotazione negli adulti, contattami alla mail: info@psicologaonline.info o al numero 371 4107274 anche via WhatsApp.